• Oltre il Viaggio

IL PARCO NAZIONALE DELL’ASINARA

L’isola dell’Asinara, che ospita anche l’omonimo parco nazionale, si trova a largo della costa nord-occidentale della Sardegna, nel comune di Porto Torres. Essa ha una storia singolare: nasce come luogo di passaggio dove i marinai, provenienti da territori stranieri, si isolavano nei periodi di quarantena, poi è divenuta un campo di prigionia durante la Prima Guerra Mondiale e, infine, un carcere di massima sicurezza. È a partire dal 1997 che l’isola è aperta ai turisti e diventa un parco nazionale raggiungibile tramite traghetto che parte da Porto Torres o da Stintino. È possibile visitare l’Isola con mezzi presenti sul luogo come bus, auto elettrica, fuoristrada o barca nei mesi primaverili e autunnali, mentre è sconsigliato farlo in estate a causa del troppo caldo.

Parco dell’Asinara


Il parco è incontaminato, dove gli animali vivono indisturbati e in completa libertà; l’asinello bianco ne è l’emblema. Alcuni luoghi simbolo del parco sono:

· CALA SABINA (chiamata anche Cala dei Ponzesi) – si trova in un’area protetta, è una piscina naturale ed è l’unica cala dove poter fare il bagno. La sabbia è fine e bianca con qualche scoglio, il mare è di colore tra il blu e il verde con fondali trasparenti. Tutta la cala è immersa nella macchia mediterranea ed è possibile arrivarci in due modi: tramite mare con una piccola imbarcazione o tramite il sentiero che parte da Cala d’Oliva.

Cala Sabina


· IL FARO DI PUNTA SCORNO - è uno dei fari più antichi della Sardegna. È stato costruito nel 1854, messo in funzione nel 1859 e completamente automatizzato negli anni ’70 circa; tuttora segnala alle navi il loro avvicinamento presso le coste sarde. Nel corso degli anni la struttura del faro è stata modificata ed attualmente esso si presenta come un edificio bianco a tre piani. Vi è una vicenda significativa che ancora oggi si racconta: nel 1953 le sorelle Anna, Ida ed Elisa salvarono tre naufraghi recuperandoli, nei pressi del faro, con una piccola barca nonostante il mare in tempesta. Le ragazze ricevettero la Medaglia di Bronzo al Valore della Marina. Il faro è ancora oggi un punto di riferimento per le navi che entrano in porto, ma nonostante il valore storico e la sua funzione si sta lentamente trasformando in una struttura abbandonata alla noncuranza e alla trascuratezza.

Il Faro di Punta Scorno


· CALA D’OLIVA - è un piccolo borgo caratterizzato da edifici bianchi e piccoli, separati da stradine in pietra che conducono a vari sentieri per le calette e le spiagge. Il villaggio ha anche ospitato i magistrati Falcone e Borsellino negli anni ’90.

Borgo Cala d’Oliva


Oggi l’isola è molto visitata dai turisti poiché hanno la possibilità di svolgere varie escursioni e di poter rimanere stupiti dalla bellezza delle calette, dalla flora e fauna e della macchia mediterranea.

di Martina Fumagalli


#articolo #blog #oltrelimmaginazione #sardegna #asinara #isola #mare #italia #trekking #viaggio #italy #sea #parconazionale #travel #nature #viaggio #italiait #igersardegna #isoladellasinara #faro #calette

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
  • Facebook Social Icon
  • Instagram